Affittare Casa

730 precompilato 2019: Tutto Ciò che c’è da Sapere | Guida alla Compilazione

730-precompilato-2019
233views

Si sta avvicinando aprile, il mese in cui ogni anno l’Agenzia delle Entrate rende disponibile la dichiarazione dei redditi precompilata.

A partire dal 15 aprile 2019 in un’apposita sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate sarà possibile visionare il proprio modello 730 precompilato 2019. Si potrà invece inviare telematicamente il 730 precompilato dal 2 maggio.

Le domande a proposito sono davvero molte. Qual è la scadenza? A chi è rivolto? Come prenderne visione? Questi sono solo alcuni dei dubbi che gli italiani si stanno ponendo in questo periodo. Non ci resta quindi che dare un’occhiata da vicino a che cos’è e a che cosa serve il 730 precompilato 2019.

Che cos’è e come funziona il 730 precompilato

Si tratta di una delle novità introdotte con la Delega Fiscale e volta alla semplificazione del fisco italiano. È il modello per la dichiarazione dei redditi introdotto a partire dal 2015 ed approvato dal Consiglio dei Ministri insieme ad altre novità, come le semplificazioni dei rimborsi e gli adempimenti fiscali.

modello-730-precompilato-2019

Ogni anno, nel mese di aprile, il 730 precompilato è reso disponibile online. Il contribuente può prenderne visione e decidere di accettarlo così com’è o apportare delle modifiche. Infatti gli italiani possono correggere dei dati sia privatamente, che attraverso l’aiuto di un Caf, associazioni di categoria o intermediari autorizzati dallo Stato.

Usufruire del modello 730 comporta molti vantaggi. Innanzitutto il contribuente non è costretto a presente alcuna ricevuta o prova delle spese sostenute per oneri detraibili. Il modello 730 è precompilato dall’Agenzia delle Entrate, con i dati ricavati dal Portale della Tessera Sanitaria e quelli posseduti dall’Agenzia stessa e dall’Inps. Per questo motivo, chi deciderà di usufruirne, non sarà sottoposto ad ulteriori controlli documentari.

Come scaricare il modello 730 precompilato 2019

Dal 15 aprile è possibile accedere alla sezione apposita per il 730 precompilato 2019 collegandosi al sito dell’Agenzia delle Entrate. Per farlo, però, è necessario essere in possesso di uno dei seguenti codici:

  • Pin Agenzia delle Entrate;
  • CNS (Carta Nazionale dei Servizi);
  • Pin Dispositivo Inps;
  • Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale);
  • Pin Noipa.

Il modello 730 precompilato 2019 può essere scaricato anche rivolgendosi al proprio sostituto di imposta che presta assistenza fiscale. Oppure ci può rivolgere al Caf o al proprio commercialista, portando con sé una delega per l’accesso alla dichiarazione. Tale delega dovrà obbligatoriamente contenere i seguenti dati del contribuente e dell’intermediario:

  • nome e cognome;
  • data e luogo di nascita;
  • codice fiscale;
  • indirizzo di residenza;
  • anno dell’imposta 2019;
  • delega alla consultazione delle informazioni necessarie per la compilazione del 730;
  • firma (anche digitale).

Una volta ottenuto il Pin o compilata la delega si potrà effettuare l’accesso al Portale. A questo punto si potrà visualizzare la dichiarazione e decidere se apportare o meno modifiche o aggiunte. Una volta accettato o modificato, si potrà trasmettere online il 730 precompilato 2019.

Il modello 730 si considera accettato se:

  • è trasmesso senza alcuna modifica dei dati;
  • le modifiche apportate non implicano alcun cambiamento del calcolo del reddito da ricevere o da pagare.

Il modello 730 si considerato modificato se sono apportati cambiamenti su:

  • i dati anagrafici ed identificativi del contribuente che effettua il conguaglio;
  • variazioni di redditi, spese deducibili o detraibili;
  • il codice fiscale del coniuge non a carico fiscalmente;
  • la compilazione del quadro I per l’utilizzo del credito risultante dalla dichiarazione;
  • richiesta di rateizzazione della somma dovuta per saldo o acconto (quadro F);
  • la scelta di non versare l’importo calcolato o farlo in maniera minore (quadro F).

Ottenere il Pin: in che modo?

Come si è visto sono diversi i modi per accedere alla sezione apposita per il 730 sul portale dell’Agenzia delle Entrate. Il metodo più veloce è certamente quello di ottenere preventivamente il proprio Pin. Ma tra i tanti che si sono visti per il 730 precompilato Inps, Fisconline o CNS quale Pin è necessario? E in che modo si può ottenere? Chiariamo quindi singolarmente questi dubbi:

Pin Agenzia delle Entrate

Si tratta di una password di 10 caratteri in tutto. Questo Pin andrà inserito nella sezione apposita per il 730 precompilato 2019 insieme al proprio codice fiscale, che costituisce invece il nome utente. I modi per ottenere questo Pin sono 3:

  • online: basta registrarsi sul sito dell’Agenzia dell’Entrate, inserendo le proprie credenziali quali il codice fiscale, il tipo di dichiarazione presentata e il reddito dichiarato;
  • telefonicamente: i numeri a cui rivolgersi sono 848.800.444 per il telefono fisso e lo 06.96668907 da telefono cellulare;
  • in ufficio: in questo caso ci dovrà recare presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate con un documento di riconoscimento valido, il codice fiscale e il modulo della richiesta.

In ogni caso ci si dovrà organizzare in maniera anticipata rispetto il 15 aprile 2019. Infatti la password sarà divisa in due parti: le prime 4 cifre sono rilasciate al momento della richiesta. Per le altre 6 cifre, invece, si dovrà attendere circa 15 giorni, poiché saranno spedite presso il domicilio.

CNS (Carta Nazionale dei Servizi)

Questo metodo non può essere utilizzato da tutti i contribuenti. Infatti è necessario possedere l’apposito lettore di schede, all’interno del quale andrà inserita la tessera. Il sistema eseguirà la lettura della card e a quel punto, se tutto è in regola, sarà rilasciato il Pin completo di Fisconline.

Pin Dispositivo Inps

Per accedere al 730 precompilato Inps e a qualsiasi altro servizio online è necessario possedere il Pin Dispositivo Inps.

Per richiederlo il contribuente si dovrà recare sulla pagina apposita dell’Inps per la richiesta del Pin. A questo punto si dovranno inserire i propri dati, compresi di codice fiscale e residenza, nonché numero di telefono, email ed eventuale indirizzo PEC. Entro 48 ore dalla richiesta si riceverà una telefonata di conferma dei propri dati e la seconda parte del Pin sarà spedita all’indirizzo di residenza.

Questo codice segreto è necessario anche se si possiede già il Pin. In questo caso si dovrà procedere con la conversione del Pin Online in Pin Dispositivo. Prima di tutto si dovrà stampare il modulo della richiesta dal sito ed inviarlo telematicamente o via fax al numero 800.803.164. Si può consegnarlo anche a mano presso gli sportelli dell’Inps di appartenenza, portando con sé anche una copia del documento di riconoscimento.

Anche in questo caso, come per il Pin dell’Agenzia delle Entrate, è necessario provvedere ad ottenerlo tempestivamente. Nessuno sarà responsabile, a parte il contribuente, per la mancata visualizzazione e trasmissione del 730 precompilato, se non si è ottenuto il Pin in tempo utile.

Chi può accedere al 730 precompilato 2019?

Ora che si sono state fornite spiegazioni riguardo il modello 730 precompilato, vediamo chi sono i contribuenti che possono ottenerlo e visionarlo:

  • Lavoratori dipendenti e pensionati: in questo caso si parla di contribuenti che hanno presentato anche per il 2017 il modello 730 compilando il quadro RW, RT o RM. Oppure possono aver presentato il modello Unico PF o Unico Mini.

Un altro caso è per coloro che hanno ricevuto dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico il modello CU 2019. Questo è possibile però solo se la Certificazione Unica è stata trasmessa entro la scadenza fissata dall’Agenzia delle Entrate.

  • Produttori agricoli: si parla di contribuenti che nel 2018 hanno avuto un guadagno al di sotto della soglia dei 7.000 euro. Questi, oltre ad essere titolari di una partita Iva, devono aver presentato il modello 730 o Unico compilando il quadro dei terreni. Infine non devono aver presentato la dichiarazione Iva.

730 precompilato 2019: scadenza

Non ci resta quindi che chiarire quali sono le date di scadenza per il 730 precompilato 2019 da tenere bene a mente. Si ricorda infatti che è tassativo rispettare le scadenze al fine di poter usufruire di questo vantaggioso servizio fiscale.

  • 15 aprile: è il giorno dal quale sarà possibile prendere visione e scaricare il 730 precompilato 2019.
  • 2 maggio: solo da questa data i contribuenti potranno modificare ed eventualmente integrare alcuni dati al modello. Se ciò non fosse necessario, sempre e solo dal 2 maggio si potrà trasmettere telematicamente il modello 730. A questo punto sarà possibile anche visionare la ricevuta di avvenuta presentazione.
  • 8 luglio: si tratta della data di scadenza del 730 precompilato per chi si è avvalso del sostituto d’imposta.
  • 23 luglio: si tratta dell’effettiva scadenza del 730 precompilato 2019. Questa è la data valida per tutti i contribuenti che hanno inviato il 730 precompilato da soli o attraverso intermediari. Inoltre è la scadenza effettiva anche per coloro che hanno trasmesso il 730 ordinario per mezzo di Caf, commercialisti o altri intermediari.

Leggi anche: Cedolare Secca nel 730: come compilare correttamente i quadri B ed F

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Leave a Response

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.