Browse By

Guida alle nuove detrazioni fiscali 2016 sulla casa

Con l’inizio del nuovo anno, è importante sempre verificare le ultime normative approvate sulla casa e la conferma o modifica delle agevolazioni fiscali vigenti fino a quel momento. Con riferimento alle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni, infatti, le aliquote dovevano essere ulteriormente ridotte al 36%, mentre i bonus per gli acquisti dei mobili, soprattutto se riferiti a giovani coppie, sono ad oggi compresi per le spese sostenute dagli under 35 tra i 10.000 ed i 20.000 euro (contro le iniziali proposte di 8000 e 16000 euro).

Per conoscere tutte le principali agevolazioni della casa, conferme e modifiche sulle detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e riqualificazione energetica, oltre che della distinzione tra il bonus mobile classico e quello riservato alle giovani coppie under 35, segui il nostro nuovo approfondimento sull’argomento.

Detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazioni confermate al 50% anche per il 2016

Passiamo ad analizzare, innanzitutto, una delle novità più rilevanti approvate dal 2016 per le agevolazioni sulla casa: le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione. Si tratta in questo caso, di una importante agevolazione riservata a coloro che eseguono dei lavori all’interno della propria abitazione principale e con l’obiettivo principale di migliorarne le caratteristiche dal punto di vista edile.

Ebbene, fino al 2015, erano previste delle detrazioni fiscali per i suddetti lavori fino al 50%, in relazione alle principali spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2015 (che non devono essere superiori ai 96.000 euro) dal 2016, invece, era previsto il passaggio ad una percentuale più bassa del 36% e spese massime di 48.000 euro. Tuttavia, tale passaggio non è stato approvato nelle nuove misure del 2016 e per tutte le spese eseguite entro il 31 dicembre 2016, potrà essere ancora considerata la classica aliquota del 50%.

detrazioni casa 2016

Vi ricordiamo che per accedere all’agevolazione sulla casa per le ristrutturazioni edilizie, è necessario essere proprietari, titolari di un diritto reale o familiari conviventi del proprietario dell’immobile. Rispetto, invece, alle spese rientranti nell’agevolazione, ecco un piccolo elenco a titolo indicativo:

  • Spese per interventi di ristrutturazione edilizia sull’immobile o per il restauro dello stesso.
  • Spese per interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria sulle parti in comune tra i vari condomini (per il primo caso) o per rinnovare e migliorare l’edificio (per il secondo caso).
  • Nuovi interventi sui bonus mobili e principali distinzioni rispetto alla richiesta da parte di giovani coppie under 35.

Novità per i bonus mobili e per le coppie under 35

Importanti interventi anche rispetto al bonus mobili per le abitazioni principali, confermato anche per il 2016 con una detrazione fiscale del 50%.Tali detrazioni, potranno essere riconosciute se relative a spese per l’acquisto di arredamenti come letti, armadi, tavoli e divani su un immobile in ristrutturazione e adibito ad abitazione principale. Oltre che per l’acquisto di elettrodomestici appartenenti alle classi energetiche A+ (ad esempio forni o frigoriferi).

Questo primo esempio, è in relazione al classico bonus mobili del 2016, che può essere richiesto solo per importi massimi di 10.000 e vincolato soprattutto dalla presenza e all’avvio di lavori di ristrutturazione nell’immobile.

Viceversa, esiste anche un secondo bonus mobili dedicato solo alle giovani coppie e con agevolazioni diverse e più convenienti per i giovani under 35. Fermo restando la presenza di abitazione principale per il riconoscimento della detrazione fiscale e acquistata dagli stessi, non è necessaria la presenza e l’avvio anche di lavori di ristrutturazione come nella precedente casistica, così come le spese massime finanziabili sono maggiori e comprese tra i 10.000 ed i 20.000 euro.

Nessuna modifica sulle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica

Nessuna modifica rilevante per quanto attiene le agevolazioni della casa per interventi di riqualificazione energetica. In tale caso, infatti, vale anche per il 2016 la percentuale del 65% e per le principali spese come:

  • Installazione di climatizzatori di nuova generazione per la sostituzione di impianti vecchi o con un maggior carico di consumo energetico.
  • Installazione di pannelli solari che mirino a sfruttare l’energia rinnovabile del sole per la creazione di acqua calda o riscaldamento nel proprio immobile.
  • La sostituzione di vecchie porte o finestre.

In pratica, per il 2016, tutti coloro che richiederanno una agevolazione fiscale per detrazioni sul proprio immobile, potranno applicare le medesime regole nel caso di spese per interventi di ristrutturazione edilizia o riqualificazione energetica. Mentre rispetto al bonus mobili, è importante soprattutto se si tratta di una giovane coppia, verificare la presenza dei requisiti per il bonus a loro dedicato.

Proposte, infine, nella legge di stabilità 2016, novità sulla casa per le tassazioni relative all’introduzione di nuove esenzioni sulla Tasi (per occupazioni con comodato ad uso gratuito per i parenti entro il primo grado di un secondo immobile di proprietà dello stesso nucleo familiare) e della possibilità di acquisto casa con la formula del leasing immobiliare.

Conclusioni:

  • Con l’inizio del nuovo anno, è importante sempre verificare le ultime normative approvate sulla casa su detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie e riqualificazione energetica, oltre che della distinzione tra il bonus mobile classico e quello riservato alle giovani coppie under 35.
  • Per il 2015, le detrazioni fiscali i lavori di ristrutturazione sono del 50%, in relazione alle principali spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2015. Modalità confermate anche per il 2016, in quanto non è stato approvato per il nuovo anno il passaggio ad una percentuale più bassa del 36% e spese massime di 48.000 euro.
  • Per il 2016, è confermata anche la detrazione fiscale del 50% sulle spese di acquisto di arredamenti come letti, armadi, tavoli e divani su un immobile in ristrutturazione e adibito ad abitazione principale.  E per l’acquisto di elettrodomestici appartenenti alle classi energetiche A+.
  • Il bonus mobili dedicato solo alle giovani coppie, invece, si arricchisce di importanti novità rispetto alle precedenti versioni: detrazioni per spese comprese tra i 10.000 ed i 20.000 euro per i mobili destinati alla prima casa acquista dagli under 35 e senza necessità di avvio anche di lavori di ristrutturazione.
  • Nessuna modifica rilevante, infine, per le agevolazioni della casa per interventi di riqualificazione energetica, con le medesime detrazioni fiscali del 65% per il 2016.

Rientri in una delle agevolazioni fiscali sulla casa approvate o confermate per il 2016? O sei interessato ad essere sempre aggiornato su altre interessanti normative sulla casa? Continua a seguirci sul blog. Gromia.

Commenti

commenti