pixel per articolo 4419
Home | comprare casa | Cambio di residenza: occhio a documenti e comunicazioni obbligatorie
comprare casa

Cambio di residenza: occhio a documenti e comunicazioni obbligatorie

15 dicembre 2020|161215 views
Fabio SalvoFabio Salvo
immagine hero di "Cambio di residenza: occhio a documenti e comunicazioni obbligatorie"

Il cambio di residenza porta con sé una serie di adempimenti burocratici da dover rispettare per essere in regola con il trasferimento in una nuova casa: dalla dichiarazione di cambio di residenza da presentare agli uffici del nuovo Comune alle comunicazioni verso diversi soggetti del nuovo indirizzo.

Sei anche tu pronto ad un cambio di residenza ma non sai come muoverti tra i diversi obblighi? Nel nuovo approfondimento di Gromia ti aiuteremo in questa fase, con consigli e suggerimenti per il trasferimento in una nuova casa.

Compilare il modulo di dichiarazione

Il primo passo da seguire per essere in regola con il trasferimento in una nuova casa, è di procedere alla compilazione della dichiarazione di cambio di residenza presso gli uffici del nuovo Comune.

Si tratta di un modulo in cui saranno inserite tutte le informazioni relative al trasferimento, ed in particolare:

  • Il Comune dell’ultima residenza del dichiarante
  • L’indirizzo della nuova abitazione
  • Dati personali del dichiarante, eventuale patente guida e carta di circolazione della propria automobile
  • Dati personali di eventuali familiari
  • Documento che attesti il legittimo possesso dell’immobile (acquisto, affitto, usufrutto, comodato d’uso gratuito…)

Bisognerà allegare al suddetto modulo anche le copie dei documenti d’identità di dichiarante e familiari da trasferire nella nuova casa.

Seguirà l’iscrizione anagrafica entro due giorni dall’ufficiale dell’anagrafe del cambio di residenza, anche se farà sempre fede per il cambio effettivo della suddetta, la data di presentazione del modulo di dichiarazione.

Nel termine invece di 45 giorni lavorativi saranno effettuate delle verifiche dal Comune e dei controlli sulla documentazione presentata, al fine di evitare delle dichiarazioni mendaci (che se individuate porteranno ad un avviso verso un’autorità giudiziaria e ad eventuali procedimenti penali sul dichiarante).

Le modalità di presentazione del modulo per il cambio di residenza

Va evidenziato che rispetto al passato la procedura di cambio residenza è diventata più agevole e veloce.

Innanzitutto parliamo di cambio di residenza in tempo reale, poiché il trasferimento vale dalla data di presentazione del relativo modulo. Vi sono poi diverse procedure per la presentazione dello stesso e che possiamo suddividere in quattro punti:

  • Andare di persona presso gli uffici del nuovo Comune e compilare l’apposito modulo di dichiarazione di residenza.
  • Inviare il modulo di dichiarazione di residenza compilato e una fotocopia del documento d’identità del dichiarante tramite fax, raccomandata, posta elettronica ordinaria.
  • Inviare il modulo specifico del nuovo Comune con posta elettronica certificata, compilando ogni dato richiesto e sottoscrivendo lo stesso con firma digitale. In alternativa è anche possibile procedere ad un’identificazione con una carta d’identità elettronica o una carta dei servizi.

A chi va comunicato il cambio?

Una volta completata una prima parte burocratica con la presentazione del modulo di cambio di residenza, è importantissimo comunicare in tempi brevi il nuovo indirizzo ad amici, parenti e terzi. In particolare è necessario comunicare il proprio cambio di residenza a:

  • Il datore di lavoro, in modo che lo stesso possa modificare tutti i dati sulle pratiche su contributi previdenziali, per visite fiscali e per ogni altra utile comunicazione.
  • Azienda sanitaria locale, in modo da eseguire il cambio del medico di medico di base con una richiesta specifica da effettuare secondo le modalità previste dall’ASL.
  • All’Agenzia delle Entrate, per modificare l’indirizzo di tutte le eventuali comunicazioni da inviare al richiedente e per definire delle variazioni sul proprio profilo fiscale. Tuttavia è bene precisare che solitamente il cambio avviene in automatico.
  • Alle compagnie assicurative, per ricevere le comunicazioni al nuovo indirizzo e soprattutto per definire il nuovo profilo assicurativo. Questo perché il più delle volte la classe di rischio e l’importo del premio sono collegati alla zona di residenza dell’assicurato.

Cambio di residenza: cosa fare con passaporto e documenti?

Per quanto attiene i documenti personali, c’è infine da evidenziare che nel caso di possesso di una patente, sarà necessario compilare all’atto della dichiarazione del modulo di cambio di residenza, un ulteriore modulo che il Comune stesso invierà alla Motorizzazione Civile.

Mentre nel caso di carta d’identità o passaporto non è necessario procedere ad alcun aggiornamento, ed è sufficiente attendere la naturale scadenza per inserire sul nuovo documento il proprio indirizzo.

Conclusioni:

  • Sono previste diversi adempimenti per essere in regola con il trasferimento in una nuova casa e completare il proprio cambio di residenza.
  • È importante recarsi al nuovo Comune e compilare un modulo predefinito per il cambio di residenza.
  • Nel modulo di cambio di residenza, bisognerà allegare le copie dei documenti personali del richiedente e dei suoi familiari.
  • Entro due giorni dalla compilazione del modulo, ci sarà l’iscrizione anagrafica della nuova residenza.
  • Entro 45 giorni lavorativi ci saranno verifiche del Comune e controlli sulla documentazione presentata per il relativo cambio di residenza. Diversamente, il cambio di residenza è da intendersi come approvato.
  • Il trasferimento del cambio di residenza è in tempo reale a partire dalla data di presentazione del relativo modulo al nuovo Comune.
  • Il modulo di cambio residenza può essere presentato recandosi di persona presso gli uffici del nuovo Comune.
  • È possibile compilare e consegnare il modulo anche mediante fax, raccomandata, posta elettronica ordinaria e casella di posta elettronica certificata (PEC).
  • È necessario comunicare il nuovo cambio di residenza a terzi in modo da completare l’iter burocratico del trasferimento. In particolare tale comunicazione dovrà essere eseguita verso il datore di lavoro, il medico di famiglia, l’Agenzia delle Entrate e la compagnia assicurativa.
  • Per documenti personali come carta d’identità e passaporto non è necessario procedere ad alcun aggiornamento, ed è possibile attendere la naturale scadenza per inserire sul nuovo documento il proprio indirizzo.
  • Nel caso di possesso di una patente è necessario compilare all’atto della dichiarazione del modulo di cambio di residenza, un nuovo modulo che il Comune stesso invierà alla Motorizzazione Civile.

In definitiva è necessario prestare una particolare attenzione a documenti e comunicazioni obbligatorie, per essere in regola con il trasferimento della propria residenza.

 

Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più

E-mailWhatsAppFacebookLinkedinTwitterPinterest
Come è cambiato il mercato immobiliare a Milano negli ultimi 5 anniLeggi l'articolo
Le abitazioni da ristrutturare vendono meglio in ItaliaLeggi l'articolo
TrustPilot LogoEccellente 9,6 su 10
Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più
Potrebbero anche interessarti
  • 25 novembre39 views

    Quante e quali tasse si pagano sull’acquisto di una casa?

    Stai pensando di acquistare casa ma vorresti saperne di più sui costi ai quali andrai incontro? Questa guida è stata pensata proprio per te: ti parleremo di quante e quali siano le tasse sull’acquisto a cui dovrai fare fronte. Tratteremo nello specifico di quelle generiche, di quelle specifiche per la prima casa, per la seconda […]
    Miriam PeraniMiriam Perani
  • 22 novembre65 views

    Acquisto casa under 36: tutto ciò che devi sapere

    Sono previste agevolazioni per l’acquisto casa under 36? Quali sono? Ci sono requisiti per accedere ai bonus casa? Risponderemo a tutte queste domande nella guida che segue, che ti aiuterà a scoprire come orientarti e come fare richiesta di un bonus per l’acquisto della prima casa se hai meno di 36 anni.  Quali agevolazioni Se […]
    Miriam PeraniMiriam Perani
  • 22 novembre61 views

    Fondo di Garanzia mutui prima casa per acquisto e ristrutturazione: come funziona?

    Hai deciso finalmente di fare il grande passo e comprare la tua prima casa ma non riesci ad ottenere un finanziamento dalla banca? Non disperare, lo Stato arriva in tuo soccorso garantendo il 50% della quota capitale del  tuo mutuo grazie al Fondo di Garanzia mutui prima casa! E se sei un giovane sotto i […]
    Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero