domenica, giugno 24, 2018
Inquilini

Truffe affitti: ecco come evitarle

1.32Kviews

Attico in centro a Milano a 500 € al mese? Appartamento di 180 mq a Roma a 600 € mensili?

Più che una occasione da non perdere, al 99% sono truffe da evitare!

La descrizione dell’immobile solitamente è “appetitosa”. Spaziosa, in centro, tutte le comodità del caso e a un prezzo stracciato rispetto al mercato. Se siete interessati e scrivete al contatto che ha pubblicato l’annuncio riceverete una mail predefinita nella quale il fantomatico proprietario dell’immobile mette le mani avanti e dice di avere alcuni problemi nel ricevere i pagamenti o che vuole fare in nero (senza che neanche possiate vedere la casa dal vivo) e vi chiederà di farsi pagare tramite Western Union o di passare tramite AirBnb.

Foto bellissime e lingua sgrammaticata

beautiful-living-room1

Le foto, la maggior parte delle volte, sono accattivanti e luminose. Insomma, è tutto troppo bello per essere vero.

Molte volte le mail e i messaggi sono in italiano o in inglese (sgrammaticato) e chi vi scrive è qualcuno che si trova in Europa e che dunque non può incontrarvi personalmente in Italia.

Dove agiscono i truffatori?

  • Sui gruppi Facebook, dove profili fake intasano le bacheche proponendo strepitosi appartamenti a prezzi irrisori.
  • Nei siti di annunci generici, dove è facilissimo pubblicare qualcosa senza che il contenuto venga controllato.
  • Via mail è molto probabile che vi arrivino messaggi da account @outlook.it

Segnali d’avvertimento

  • Ti chiedono di inviare denaro senza aver mai incontrato nessuno o aver visto l’appartamento. Ricorda che non basta vedere le foto per inviare dei soldi, a meno che la casa non sia stata verificata dal sito web (quindi è il sito che ha controllato personalmente dell’esistenza dell’immobile).
  • Il proprietario non si fa troppi problemi su chi siete. Solitamente chi pubblica un annuncio è interessato a sapere qualcosa su di voi, chi siete e se avete delle referenze. Se non vi chiede niente di tutto ciò, potrebbe trattarsi di una truffa.
  • Vi viene chiesto di pagare un deposito di sicurezza o troppi pagamenti anticipati
  • Il proprietario trova sempre scuse. Non si trova in Italia, non può raggiungervi e vedere assieme l’appartamento o ha sempre dei problemi che non può assolutamente aggirare. E intanto vi chiede un pagamento anticipato sulla fiducia.

Come potete controllare se gli annunci sono veri o meno?

  • Un metodo è quello di cercare le foto su Google: per farlo vi basta cliccare col tasto destro su una delle foto e poi su “Cerca questa immagine su Google” come indicato nella foto qui sotto.

cerca questa immagine su Google

  • Su Facebook potete controllare il profilo di chi ha scritto l’annuncio e “fiutare” se si tratta di una persona reale o di un fake. Guardate gli status che scrive e le foto che pubblica. Molte volte i profili fake non hanno nessun tipo di contenuto realistico.
  • Cerca su Google il nome e la mail di chi vi ha scritto per vedere se su alcuni forum o blog hanno già citato il truffatore in questione.
  • Copiate e incollate su Google alcuni pezzi delle mail che vi sono arrivate. Molte volte sono predefinite e il corpo del messaggio è identico, dunque vi basterà cercarlo per vedere se qualcuno in internet ne ha già parlato avvisando gli altri utenti di una truffa.

Se vuoi segnalare un truffatore che hai incontrato durante la vostra ricerca di un appartamento, ti invitiamo a farlo inserendolo come commento qui sotto.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Leave a Response

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Alessandro Bogliari
Poliedrico ed eclettico, fonda nel 2011 Milanoize.com, sito di informazione giovanile per vivere Milano in modo alternativo. Nel 2013 crea Networkdisuccesso.com, dove condivide le proprie strategie di web marketing. Ora si occupa del marketing digitale di Gromia. Ascolta le interpretazioni di Maurizio Pollini e la dubstep del panorama inglese. Ama le pale d'altare del 1300 e l'arte contemporanea che suscita sempre perplessità agli occhi dei più. Odia i musical, i luoghi comuni e i profili Facebook di coppia.