pixel per articolo 846
Home | News | Dichiarazione di prestazione: ora anche on-line
News

Dichiarazione di prestazione: ora anche on-line

March 3, 2014|771 views
Riccardo CorradinoRiccardo Corradino
immagine hero di "Dichiarazione di prestazione: ora anche on-line"

Il 24 febbraio di quest’anno è entrato in vigore il Regolamento dell’Unione Europea n. 157, il quale ammette la “Dichiarazione di prestazione” anche solo tramite sito Internet.

D’ora in poi quell’attestazione obbligatoria sulla persistenza delle caratteristiche dei prodotti da costruzione potrà essere reperibile on-line per lungo tempo, permettendo anche a chi effettua lavoretti di edilizia fai-da-te di conoscere caratteristiche e avvertenza dei materiali usati: non si potrà più dire che qualcuno non fosse informato su cosa stava facendo!

Cos’è questa “Dichiarazione di prestazione”?

È il documento che ha sostituito la più famosa “Dichiarazione di conformità” ed attesta le importanti caratteristiche di un prodotto da costruzione, come per esempio:

  • resistenza meccanica
  • sicurezza all’incendio
  • igiene salute ed ambiente
  • risparmio energetico

Tale dichiarazione deve essere resa a favore del cliente al momento dell’immissione sul mercato del prodotto, così da evitare, per esempio, che una cancellata si pieghi perché costruita con acciaio cinese a basso tenore di carbonio oppure che le piastrelle usate per alimentare il nostro bel cortile si spacchino per colpa della variazione termica non ricordandoci che sono state fabbricate per uso interno.

Chi è obbligato a fornire la “Dichiarazione di prestazione”?

I fabbricanti dei prodotti da costruzione (per esempio produttori di piastrelle, mattoni, colle cemento usate per la posa di pavimenti ecc…) la redigono secondo quanto previsto dalla normativa vigente e, quando previsto, appongono la marcatura CE dopo aver predisposto tutta la documentazione tecnica adeguata a descrivere i vari elementi. Inoltre si assicurano che i prodotti rechino sempre un elemento che consenta la puntuale identificazione (numero del lotto di produzione, seriale ecc…) e, quando questo non è possibile per la natura del prodotto come nel caso di materiali per l’edilizia sfusi da vendere a peso, deve essere fornito un documento di accompagnamento.

Non è raro, anche nel settore delle costruzioni, preferire prodotti d’importazione perché più economici; in questo caso l’importatore si deve assicurare che il fabbricante abbia provveduto a fare quanto sopra descritto in conformità alle norme che regolano il mercato di destinazione.

Tile patterns, di Keith Williamson fonte Flickr
Tile patterns, di Keith Williamson fonte Flickr

Qual è la novità?

Il Regolamento UE 157/2014 permette agli operatori economici di rendere disponibile la Dichiarazione sul Web, senza precisare tecnologia da adottare (semplice paginetta statica piuttosto che Pdf scaricabile, Wiki o quant’altro), a patto che:

  • non venga modificata in momenti successivi
  • venga mantenuta la costante consultabilità
  • sia consultabile gratuitamente per almeno 10 anni dalla commercializzazione del prodotto
  • vengano date istruzioni ai destinatari su come consultare quanto predisposto on-line

Perché considerarlo un passo in avanti?

Dal momento che tutto questo riguarda anche i materiali usati per la piccola edilizia fai-da-te è da considerarsi come un atto di garanzia e responsabilità ulteriore dei produttori nei confronti della sicurezza, permettendo di limitare l’ambito di responsabilità in caso di spiacevoli eventi dovuti alla scarsa qualità dei prodotti.

Inoltre sarà più semplice per tutti noi poter ritrovare tutte le informazioni che, se disponibili solo su carta, magari avremmo smarrito fra un trasloco e l’altro o perché vi abbiamo rovesciato sopra il caffè.

Foto di copertina: brick wall, di toperdomingo2012, fonte Flickr.

Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più

FacebookTwitterPinterestE-mail
Il palazzo dei pazziLeggi l'articolo
TrustPilot LogoEccellente 9,6 su 10
Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più
Potrebbero anche interessarti
  • December 30, 202091 views

    Online i dati delle compravendite immobiliari

      Il mercato immobiliare si fa più trasparente grazie a un nuovo servizio dell’Agenzia delle entrate, che mette online i dati delle compravendite immobiliari. Il portale  Consultazione online dei valori immobiliari, permette infatti di visionare i diversi atti di compravendita stipulati dal 2019. La privacy dei cittadini è tutelata al 100%: non è quindi possibile […]
    Carlotta SferrazzoCarlotta Sferrazzo
  • December 23, 2020107 views

    Disdetta del contratto di locazione commerciale

      La disdetta di un contratto di locazione commerciale, così come quella di un contratto di locazione abitativo, deve seguire precise regole e scadenze. Sia il locatore che il locatario, infatti, hanno il dovere di rispettare quanto descritto nella legge n. 392 del 1978, dedicata agli immobili non destinati ad scopi residenziali. Se hai intenzione […]
    Carlotta SferrazzoCarlotta Sferrazzo
  • December 16, 2020128 views

    Flessioni dei prezzi degli immobili nel secondo semestre

    Cosa accadrà ai prezzi degli immobili dopo il Coronavirus è sicuramente una delle domande che i proprietari di case e appartamenti si stanno ponendo più spesso in questo periodo.  Abbiamo raccolto alcuni dati per aiutarti ad avere un quadro chiaro della situazione attuale e sugli scenari immobiliari futuri, per quanto possibile in un anno del […]
    Miriam PeraniMiriam Perani