pixel per articolo 181873
Home | News | Città dove si vive meglio: la classifica
News

Città dove si vive meglio: la classifica

8 marzo|752 views
Carlotta SferrazzoCarlotta Sferrazzo
immagine hero di "Città dove si vive meglio: la classifica"

 

Stai pensando di trasferirti ma non sai dove andare? Per aiutarti nella scelta c’è la classifica delle città dove si vive meglio. I diversi livelli di qualità della vita nei centri italiani, infatti, permettono di scegliere con consapevolezza quale area fa meglio per te in base ai tuoi interessi.

Per stilare la hit delle città dove si vive meglio in Italia vengono utilizzate diverse informazioni e dati, che vengono paragonati tra loro. Il punteggio che ne esce va poi a definire la posizione di quel centro abitato nella classifica complessiva.

Non mancano, di anno in anno, le sorprese: spesso infatti alcune metropoli, pur ricche di opportunità, non rispondono ad altri requisiti essenziali e scendono di posizione.

Scopriamo insieme quali sono le province e i comuni dove la qualità della vita, in questo 2020, è stata più alta.

Città dove si vive meglio nel 2020: gli indicatori

Il 2020 è stato un anno difficile per tutte le città della Penisola. La qualità della vita di tutti è stata infatti messa alla prova dall’epidemia Covid-19, che ha destabilizzato la nostra quotidianità e le nostre necessità principali.

Nonostante le difficoltà è stato possibile redigere la classifica delle città dove si vive meglio anche per lo scorso anno, che si basa su dati specifici. Il punteggio riservato ad ogni centro, infatti. è la somma dei singoli punti dati da ben 6 indicatori:

  •  Ricchezza e consumi
  • Ambiente e servizi 
  • Giustizia e sicurezza 
  • Affari e lavoro
  • Demografia e società
  • Cultura e tempo libero.

La classifica, come spiega Il Sole 24 Ore, ha tenuto conto anche della pandemia: è stato infatti aggiunto fra i diversi criteri di misura l’indice di contagi ogni mille abitanti, così da tener conto della difficoltà che la pandemia ha portato ai vari sistemi sanitari e alla quotidianità.

L’indagine ha un’importanza cruciale: permette infatti di ragionare con dei dati certi e completi prima di trasferirsi momentaneamente presso un nuovo centro per cercare lavoro o fare importanti investimenti, come ad esempio  l’acquisto di una seconda casa da destinare ad eventuali affitti o, ancora, un trasloco definitivo.

Le prime 10 città dove si vive meglio

La classifica che disegna i livelli di qualità della vita in Italia comprende 107 centri, che ogni anno variano nella loro posizione.

Arrivata quest’anno alla sua 31esima edizione, la ricerca vede quest’anno sul podio Bologna; Crotone, invece, è fanalino di coda.

Queste le prime dieci posizioni:

  1. Bologna
  2. Bolzano
  3. Trento
  4. Verona
  5. Trieste
  6. Udine
  7. Aosta 
  8. Parma
  9. Cagliari
  10. Pordenone.

Viceversa, dalla posizione 97 alla 107 troviamo:

  • Barletta-Andria-Trani
  • Agrigento
  • Ragusa
  • Foggia
  • Trapani
  • Catanzaro
  • Enna
  • Vibo Valentia
  • Siracusa
  • Caltanissetta
  • Crotone.

Vivere a Milano e Roma

Grandi assenti ai primi posti della classifica sono i centri di Milano e Roma, che indietreggiano di qualche posizione rispetto allo scorso anno.

Milano si trova infatti al 12° posto, mentre Roma al 32°, nonostante il fascino della capitale.

Sono 11 le posizioni perse dal capoluogo lombardo, anche a causa del poco spazio a disposizione per le abitazioni. Cruciale, inoltre, il prezzo medio degli immobili, che ancora non ha subito oscillazioni significative nel post Covid.

Scopri di più su questo argomento al nostro post Prezzi case a Milano: in aumento i prezzi in periferia.

Nonostante il costo della vita, Milano è premiata per l’impegno nel green, legato soprattutto all’utilizzo di auto elettriche e al funzionamento dei trasporti pubblici. Determinante l’indicatore sicurezza in cui la città si conferma agli ultimi posti.

Vivere a Bologna

Come abbiamo accennato nel nostro articolo Chi acquista in città arrivando dalle altre province?, Bologna è una città in cui scelgono di comprare anche acquirenti non originari della zona, almeno il 5.1%. Questo perché, secondo le indagini e i dati, offre tutti i comfort di una grande città  pur restando “a misura d’uomo”.

Questi i punteggi degli indicatori:

  •  Ricchezza e consumi: 683.6
  • Ambiente e servizi: 647.6
  • Giustizia e sicurezza: 429.5
  • Affari e lavoro: 534.9
  • Demografia e società: 569
  • Cultura e tempo libero: 526.

Interessato a scoprire tutte le informazioni sulla qualità della vita in Italia? Abbiamo preparato per te una serie di articoli davvero imperdibile:

 

 

Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più

E-mailWhatsAppFacebookLinkedinTwitterPinterest
È un buon momento per vendere casa?Leggi l'articolo
Come sono cambiati gli spazi di lavoro dopo il covidLeggi l'articolo
TrustPilot LogoEccellente 9,6 su 10
Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più
Potrebbero anche interessarti
  • 11 giugno197 views

    Sale l’età media di chi vuole vendere casa o acquistarla

    Vendere casa o acquistarla è una questione di età; non è una battuta ma ciò che traspare dai dati comunicati dall’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa in merito al mercato immobiliare italiano nel 2020. Ma qual è il nesso tra età e compravendite? Te lo spiegheremo nelle righe che seguono, dove parleremo di età degli acquirenti, dei […]
    Miriam PeraniMiriam Perani
  • 7 giugno4156 views

    Superbonus 110: è possibile vendere casa e conservare le agevolazioni?

    Se stai per vendere o acquistare una casa nella quale sono stati eseguiti dei lavori di ristrutturazione utilizzando il superbonus 110 per cento, uno dei dubbi che ti porrai sicuramente sarà: ma le agevolazioni si potranno conservare?  Con il testo che segue ti daremo una risposta, considerando sia il caso del venditore sia quello dell’acquirente. […]
    Miriam PeraniMiriam Perani
  • 10 maggio336 views

    Prezzi delle case in Lombardia in aumento, è il momento buono per vendere casa

    Nel primo trimestre 2021 i prezzi di vendita delle case a livello nazionale segnano un calo dell’1,5% rispetto al trimestre precedente. I prezzi delle case in Lombardia non sembrano però seguire questo trend e registrano invece un aumento in media del 3,6%. Di contro, si registra una lieve flessione dei canoni d’affitto dello 0,7%.  Affittare […]
    Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero