pixel per articolo 181805
Home | Affittare Casa | Mercato immobiliare 2021: cosa aspettarsi
Affittare Casa

Mercato immobiliare 2021: cosa aspettarsi

17 marzo|555 views
Carlotta SferrazzoCarlotta Sferrazzo
immagine hero di "Mercato immobiliare 2021: cosa aspettarsi"

 

L’emergenza Covid-19 avrà delle conseguenze sul mercato immobiliare 2021? Secondo i recenti dati del rapporto Nomisma e dell’analisi di Savills Investment Management sì, ma non sempre in negativo.

Gli esperti parlano chiaro: compravendite e canoni d’affitto hanno registrato un forte calo nel 2020, che influirà sui trend del nuovo anno e dovrà attendere almeno un biennio per colmarsi del tutto. Questo scenario, tuttavia, non deve spaventare. Il mercato immobiliare 2021 inizierà la sua risalita dai centri più grandi, creando numeri interessanti anche nel settore commerciale.

Cerchiamo di capire insieme quali novità ci attendono e come possiamo prepararci al meglio.

2020: la chiusura in down del settore

Il 2020 ha registrato una flessione in negativo nelle compravendite di circa il 20% causata dalla pandemia e dalla conseguente crisi economica e lavorativa che ha attraversato il Bel Paese.

Nonostante i prezzi degli immobili abbiano resistito, il calo della domanda e della disponibilità ha interrotto oltre centomila trattative, da Nord a Sud.

Anche il settore degli affitti ha risentito della pandemia, in particolare per i canoni transitori o turistici. Restrizioni, smart working e studio a distanza hanno ridotto al minimo la necessità di un alloggio, andando a creare una battuta d’arresto per il settore. Non sono, tuttavia, mancate le sorprese: i mesi estivi, fra la prima e la seconda ondata pandemica, hanno visto famiglie e coppie ricercare un nuovo immobile. L’obiettivo era quello di guadagnare una stanza in più e un’apertura verso l’esterno.

Come abbiamo visto al post Analisi dei dati Nomisma – Terzo rapporto sul mercato immobiliare 2020  il mercato immobiliare è tornato ai livelli di quattro anni fa e, proprio per questo, la ripresa non sarà né semplice né immediata.

Mercato immobiliare 2021: dati e possibilità

Secondo l’analisi Nomisma, le prospettive per il settore immobiliare del 2021 non sarebbero negative. Il nuovo anno sarebbe infatti la base per una ripartenza lunga almeno fino al 2023 che interesserà, prima di tutto, i centri di Milano e Bologna.

A mettere un segno + rispetto allo scorso anno sarà senza dubbio il mercato residenziale: le compravendite saranno comunque in calo rispetto al 2019, così come i prezzi. Tuttavia sarà proprio qui che il trend inizierà a migliorare, complici i nuovi bonus di ristrutturazione, le agevolazioni per l’acquisto della prima casa e la necessità di nuovi spazi, anche in città.

Il settore non residenziale, invece, dovrà attendere, almeno secondo le previsioni:

  • -2.5% per gli uffici;
  • -1.9% per i negozi.

La speranza è quella che le nuove pratiche di consumo e lavoro portino a una ridefinizione degli spazi e, di conseguenza, a nuove richieste.

Quali città saranno interessate dalla crescita?

Le prospettive di Nomisma toccano anche le singole città, che avranno tempi di ripresa molto diversi fra loro. Secondo gli esperti alcuni centri potrebbero registrare più tardi una ripresa, ma non oltre il 2023.

Questo, secondo il rapporto, sarebbe lo scenario:

  1. Milano (2021-2022)
  2. Bologna (2021-2022)
  3. Firenze (2022-2023)
  4. Venezia (2022-2023)
  5. Palermo (2022-2023)
  6. Cagliari (2022-2023)

Fanalini di coda Torino, Genova e Roma, che nel prossimo triennio avranno un andamento parzialmente negativo.

Settori e possibilità per il mercato immobiliare 2021

Oltre al rapporto Nomisma, anche Outlook 2021 “Building resilience in global real estate portfolios” di Savills Investment Management ha tracciato una possibile mappa per l’anno in corso.

L’analisi dell’Istituto tuttavia non si limita al settore residenziale, ma traccia un quadro più ampio del mercato immobiliare 2021, andando a toccare tutte le possibilità dei diversi comparti produttivi e commerciali.

A spiegare la situazione italiana è Cristiano Ronchi, Managing Director Italia presso Savills IM SGR. Il report, infatti, ha individuato come settori in forte crescita:

  • la logistica nel Nord Italia, lungo il Mediterraneo e nell’area di Roma: i nuovi consumi legati all’e-commerce non hanno scalfito questa filiera, che è alla ricerca di nuovi spazi immobiliari adatti ai prodotti trattati.
  • la sanità;
  • il retail alimentare: la costanza nella domanda ha portato ad una risposta di grandi dimensioni, tanto che discount, supermercati e negozi food hanno resistito al lockdown senza cali. Le realtà del settore che desideravano crescere ed espandersi, quindi, continueranno a ricercare immobili adatti alle loro esigenze.
  • il senior care.

A livello europeo, buone prospettive anche per uffici e living. I primi non perderanno la loro funzione nelle aziende, nonostante lo smartworking sia ormai una realtà. Saranno anzi sempre più importanti come luoghi di incontro, scambio e crescita professionale. Per il living, invece, il discorso è più complesso: il mondo degli hotel, dello student housing, del senior living, del build to rent e dei poli di ricerca scientifica attira molti investitori, soprattutto se legato a prodotti come i fondi pensione (maggiori informazioni al link).

Interessato a scoprire di più sulle prospettive del mercato immobiliare 2021? Leggi i nostri articoli:

 

 

 

 

 

Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più

E-mailWhatsAppFacebookLinkedinTwitterPinterest
Il Verbale di Riconsegna dell’ImmobileLeggi l'articolo
Bonus affitti: come funzionaLeggi l'articolo
TrustPilot LogoEccellente 9,6 su 10
Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più
Potrebbero anche interessarti
  • 20 settembre305 views

    Roma e Milano trascinano la crescita del mercato immobiliare residenziale

    Nella prima metà del 2021 il mercato immobiliare residenziale lancia segnali positivi di crescita. Un numero di transazioni in aumento rispetto ai due anni precedenti, con un ritorno al trend ascendente pre-pandemia e rendimenti in aumento dell’8%. Anche i tempi medi relativi alle locazioni migliorano, diminuendo dai 168 giorni del primo semestre 2020 ai 141 […]
    Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero
  • 1 settembre457 views

    Salgono i prezzi al metro quadro di Milano

    Il mercato immobiliare Milanese si conferma il più attivo a livello nazionale, anche per quanto riguarda la dinamica dei prezzi. Parte proprio dalla crescita dei prezzi al metro quadro Milano la ripresa delle quotazioni degli immobili. In Italia, Milano è di fatto l’unica grande città che oggi ha valori in linea, e in molti casi […]
    Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero
  • 4 agosto312 views

    Cresce il mercato delle seconde case al sud

    Nel testo che segue ti parleremo di come il mercato delle seconde case abbia subito un’impennata in seguito alle prime ondate della pandemia. Ti sveleremo le zone che hanno destato l’interesse maggiore per gli acquirenti e per i turisti e gli effetti che questo boom ha avuto sul prezzo degli immobili. Concluderemo con una riflessione […]
    Miriam PeraniMiriam Perani