pixel per articolo 182934
Home | comprare casa | Come funziona un mutuo per la prima casa
comprare casa

Come funziona un mutuo per la prima casa

1 dicembre 2021|134 views
Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero
immagine hero di "Come funziona un mutuo per la prima casa"

Hai deciso di comprare la tua prima casa e stai cercando di capire come funziona un mutuo per la prima casa? 

Scopri insieme a noi come funziona un mutuo per la prima casa, come ottenerlo e tutte le agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa!

 

Cos’è un mutuo prima casa

Un mutuo consiste in un prestito, generalmente richiesto ad una banca, che serve ad ottenere la liquidità necessaria ad acquistare un immobile. 

Laddove l’immobile oggetto del mutuo rappresenti l’abitazione principale, si parlerà di mutuo prima casa.

Con “prima casa” non si intende un bene comprato per la prima volta, ma si tratta dell’immobile in cui si trasferisce la residenza entro 12 mesi dall’acquisto.

Inoltre, l’immobile non deve avere caratteristiche ‘di lusso’. In questo modo sarà possibile ottenere una serie di agevolazioni sulla prima casa.

 

Agevolazioni sul mutuo prima casa

Ottenuta la delibera bancaria definitiva per il mutuo prima casa si potrà fare domanda per ottenere le agevolazioni sul mutuo prima casa, che consentono di ottenere importanti vantaggi fiscali:

  • Imposta sostitutiva agevolata dello 0,25% dell’erogato totale (trattenuta direttamente dalla banca in fase di erogazione), a fronte della normale imposta piena pari al 2% del mutuo
  • Imposta ipotecaria e catastale fisse a 200 euro
  • IVA al 4% per acquisti da imprese (invece che al 10%)
  • Costi accessori e parte degli interessi pagati alla banca nel corso dell’ammortamento e quindi l’imposta sostitutiva, le spese di istruttoria della banca e l’onorario del notaio relativo alla stipula del contratto di mutuo.

Per chi ha sottoscritto un mutuo prima casa è inoltre prevista la possibilità di detrarre il 19% degli interessi passivi del mutuo fino a un massimo di 4.000 euro. In questo modo è possibile risparmiare fino ai 760 euro annui.

Ti ricordiamo infine che, per poter usufruire di tutte queste detrazioni è necessario che il finanziamento sia acceso su un immobile adibito ad abitazione principale entro dodici mesi dall’acquisto.

E le agevolazioni non finiscono qui…scopri tutte le ultime novità sulle agevolazioni casa previste dal bonus prima casa 2021.

Hai meno di 36 anni? Scopri le ulteriori agevolazioni prima casa previste per l’acquisto casa under 36!

 

Come funziona un mutuo per la prima casa

Il mutuo prima casa consente di ottenere fino all’80% del valore dell’immobile (alcune banche coprono fino al 100% a fronte di interessi più alti) ed è rivolto a chi desidera acquistare un immobile da adibire ad abitazione principale.

Il mutuo sulla prima casa può essere concesso ai cittadini italiani e stranieri, purché residenti in Italia, che hanno un lavoro a tempo indeterminato.

La banca o l’istituto finanziario verificano la fattibilità dell’investimento attraverso calcoli specifici perciò è necessario dimostrare di avere un reddito fisso e continuo (contratto a tempo indeterminato).

 

A cosa prestare attenzione nella scelta di un mutuo prima casa

Come per un qualsiasi altro mutuo, il rimborso del mutuo prima casa avviene a rate, costituite da una quota di capitale ricevuto a prestito e da una parte di interessi maturati.

Quando decidi di accendere un mutuo prima casa devi quindi considerare tre aspetti fondamentali:

  • Tasso d’interesse
  • Durata
  • Importo finanziabile

Tasso d’interesse

Il tasso d’interesse rappresenta il compenso da restituire all’istituto di credito per la somma prestata. 

Esistono 2 tipologie principali di tassi d’interesse per un mutuo prima casa:

  • Tasso fisso

I mutui prima casa a tasso fisso sono “mutui sicuri” dato che la rata resta invariata nel corso del tempo.

  • Tasso variabile

Con la scelta del tasso variabile, il valore della rata è soggetto alle variazioni dei mercati finanziari. Questo si traduce in maggiore rischio ma anche maggiori possibilità di risparmio sicuro nella fase iniziale.

 

Durata del mutuo

La durata del mutuo viene stabilita al momento della stipula del contratto di mutuo e rappresenta il periodo di tempo entro il quale restituire il finanziamento concesso. 

In genere, le banche concedono mutui di durata compresa tra 5 e 30 anni. All’aumentare della durata del rimborso:

Una maggiore durata significa una maggiore quota di interessi totale ma una minore onerosità delle singole rate.

Ma allora, quale durata scegliere per il mutuo prima casa?

Se preferisci una rata mensile più bassa e sostenibile è consigliabile scegliere la lunga durata.

Se invece vuoi pagare meno interessi possibile, compatibilmente con la propria disponibilità di reddito, è consigliabile scegliere un mutuo di media durata.

Sappi che esistono anche mutui di durata variabile ovvero mutui con rata fissa che segue l’andamento dei tassi d’interesse. Questo significa che se i tassi aumentano aumenta la durata, se diminuiscono essa si riduce.

 

Importo Finanziabile

Nella maggior parte dei casi, le banche erogano dei mutui che coprono fino all’80% dell’immobile.

Tuttavia, soprattutto per agevolare le giovani coppie e in generale i giovani under 36, esistono dei mutui prima casa che prevedono un finanziamento fino al 100% del valore dell’abitazione.

 

Come ottenere un mutuo per la prima casa

Prima casa o meno, per ottenere il mutuo devi innanzitutto identificare se possiedi i requisiti necessari. Dopodichè dovrai scegliere la banca presso cui effettuare la richiesta di finanziamento.

Una volta scelta la banca, l’istituto finanziario verificherà due fattori principali:

  • L’affidabilità e la correttezza del soggetto richiedente, tramite analisi del passato creditizio.
  • La capacità di credito, cioè l’effettiva e reale possibilità della persona di poter sostenere e garantire il pagamento delle singole rate e, in generale, la restituzione dell’intero prestito concesso.

Individuata la banca e la tipologia di mutuo, è necessario quindi  compilare la richiesta di mutuo in modo tale che la banca posso esprimere un primo parere di fattibilità. 

Richiesta di mutuo

La richiesta di mutuo dovrà comprendere i seguenti dati:

  • il reddito del richiedente e del nucleo familiare riportato nella dichiarazione dei redditi;
  • il valore dell’immobile per cui viene richiesto il finanziamento;
  • il rapporto “rata/reddito”, che corrisponde circa al 30% del reddito mensile complessivo dei richiedenti.

Una volta ricevuto il parere di fattibilità, dovrai inviare alla banca tutta la documentazione necessaria a confermare quanto dichiarato nella richiesta di mutuo

Documentazione per ottenere il mutuo

La suddetta documentazione include:

  • attestati sulla tua situazione lavorativa, come ad esempio una copia del CUD e un attestato di anzianità di servizio per i lavoratori dipendenti: l’atto di iscrizione all’albo o le copie del Modello Unico  per i lavoratori autonomi
  • il certificato di nascita
  • il certificato di stato civile o l’atto di matrimonio nella sua interezza
  • una copia dei certificati di divorzio o separazione se necessario
  • la copia del compromesso
  • dati importanti dell’immobile come la planimetria, il certificato di abitabilità e una copia dell’ultimo atto di acquisto

Terminata la raccolta e l’analisi dei documenti la banca effettua ulteriori necessari accertamenti quali la perizia tecnica dell’immobile e sancisce la sua disponibilità o meno a fornirti il credito necessario per acquistare la prima casa. 

Una volta acquisita la documentazione inoltrata dal cliente, la banca delibera sull’erogazione o meno del finanziamento e ne dà immediata comunicazione al richiedente, fissando altresì la data della stipula dell’atto pubblico di finanziamento.

Stipula del mutuo

Se la banca decide di concedere il mutuo, il passo successivo è la stipula dell’atto di mutuo, che dovrà essere firmato alla presenza di un notaio. 

Contestualmente alla firma viene stipulata l’ipoteca, che serve a tutelare la banca nel caso di problemi relativi al pagamento del mutuo stesso.

 

Conclusioni

A questo punto dovresti avere un’idea più completa su come funziona un mutuo per la prima casa e come ottenerlo tra requisiti da rispettare, i documenti da fornire ma anche le tante agevolazioni previste.

Per essere davvero pronto all’acquisto della tua prima casa, non ti resta che leggere anche la nostra guida su come acquistare una casa con un mutuo!

 

 

 

Stai pensando di vendere?
Scopri quanto vale realmente la tua casa con una valutazione online gratuita in pochi click
Valuta ora

E-mailWhatsAppFacebookLinkedinTwitterPinterest
Rogito notarile: che cos’è e quali documenti servonoLeggi l'articolo
Quante e quali tasse si pagano sull’acquisto di una casa?Leggi l'articolo
TrustPilot LogoEccellente 9,6 su 10
Stai pensando di vendere?
Scopri quanto vale realmente la tua casa con una valutazione online gratuita in pochi click
Valuta ora
Potrebbero anche interessarti
  • 18 gennaio91 views

    Come trattare l’acquisto di una casa: sei consigli (più uno)

    Vorresti comprare casa ma non sai come fare? Vuoi sapere quali sono gli aspetti ai quali dovrai prestare maggiore attenzione? Te lo racconteremo subito nel nostro articolo che ti spiegherà come trattare l’acquisto di una casa, con sette consigli da mettere subito in pratica. Trattare un acquisto non è certamente semplice e si tratta di […]
    Miriam PeraniMiriam Perani
  • 14 gennaio88 views

    Mercato Immobiliare 2022: Trend e Previsioni

    Le previsioni sul mercato immobiliare 2022 si preannunciano rosee, dopo una chiusura già molto positiva del 2021 con compravendite a quota 700 mila. Trainati dalla riconferma dei vantaggi dei bonus casa e del Superbonus 110% più le ulteriori agevolazioni per l’acquisto della prima casa riservate ai giovani under 36, i livelli nelle compravendite e nei […]
    Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero
  • 7 gennaio80 views

    Diritto di prelazione acquisto immobile, a chi spetta?

    Hai intenzione di mettere in vendita un immobile che hai locato o che hai ricevuto in eredità? Ricordati come prima cosa di comunicare le tue intenzione al locatario o ai coeredi, dato che a loro spetta il diritto di prelazione acquisto immobile. Vuoi saperne di più? Ecco la nostra mini guida sulla prelazione acquisto immobile: […]
    Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero