Home | Investimenti Immobiliari | Come guadagnare con gli immobili senza acquistarli: il crowdfunding immobiliare
pixel per articolo 184594Investimenti Immobiliari

Come guadagnare con gli immobili senza acquistarli: il crowdfunding immobiliare

2 dic 20227 min. di lettura
Miriam PeraniMiriam Perani

In questa guida ti parleremo del crowdfunding immobiliare: una modalità di investimento piuttosto nuova per il nostro paese. Scopriremo che cos’è il crowdfunding e come funzioni; ne analizzeremmo poi i vantaggi e i rischi e vedremo alcuni esempi di investimento.

Rispondiamo però alla prima domanda che siamo sicuri in molti di voi si staranno ponendo, ossia che cosa si intenda per crowdfunding immobiliare.

Cos’è il crowdfunding immobiliare?

Il crowdfunding in campo immobiliare è una modalità di investimento che diversamente dalle forme tradizionali, non coinvolge uno o pochi investitori ma un gruppo di persone.

Il termine significa letteralmente finanziamento da parte di una folla ed è una tipologia di raccolta di fondi ormai piuttosto comune in altri settori. In rete esistono piattaforme dedicate a questo tipo di investimenti e, come vedremo in seguito, anche la versione immobiliare della raccolta fondi diffusa è disponibile su alcune piattaforme, al punto da rappresentare il campo di azione maggiore di diverse aziende che operano in Italia.

crowdfunding immobiliare

Alcuni dati

Nonostante ad alcuni possa apparire una modalità di investimento anomala, considera che secondo alcuni dati nel 2019 sono stati raccolti circa 11 miliardi di dollari in tutto il mondo.

Anche in Italia però la diffusione in termini finanziari del crowdfunding non è indifferente; nel 2020 sarebbero state più di 180 le operazioni immobiliari finanziate per un totale di circa 65 milioni di euro.

Come funziona il crowdfunding immobiliare

Come ti abbiamo accennato, il crowdfunding avviene tramite il coinvolgimento di un gruppo di investitori che potrebbero anche non conoscersi tra loro.

Diversamente da un investimento di tipo tradizionale, con questa modalità teoricamente chiunque ha la possibilità di investire in campo immobiliare, anche senza la necessità di comprare casa. Infatti la somma che dovrai avere a disposizione per un investimento può essere anche irrisoria rispetto i prezzi di un immobile; considera che in alcuni casi è possibile acquisire una quota anche a partire da 100 euro.

La cifra minima prevista per l’investimento può comunque variare e viene stabilita di volta in volta dalla società promotrice dell’investimento. 

Il funzionamento delle operazioni di investimento tramite crowdfunding immobiliare invece dipende dalla tipologia dell’investimento stesso. Esistono diverse modalità, ma tieni presente che le due principali sono:

  • Lending crowdfunding
  • Equity crowfunding

Scopriamo le differenze e le caratteristiche specifiche di ognuna di esse. 

Lending crowdfunfing

Nel lending crowdfunfing chi investe nell’immobile non è coinvolto direttamente nell’operazione; questo significa che se desideri partecipare ad un’operazione di investimento di tipologia lending presterai i tuoi soldi al fine di concludere l’investimento immobiliare. Il termine deriva infatti dall’inglese to lend che significa letteralmente “dare in prestito”.

In altre parole, con questa modalità tu investi una cifra che ti verrà restituita al termine dell’operazione immobiliare con un interesse predefinito, ma che di solito è molto più remunerativo rispetto ad altre forme di investimento.

Diverso è invece il secondo tipo di investimento di gruppo.

Equity crowdfunding

Nell’equity crowdfunding invece, l’investitore entra direttamente nell’operazione immobiliare e acquisisce quindi una quota della società che viene costituita al fine di concludere l’operazione immobiliare. In altre parole con questa tipologia di raccolta di capitale entri direttamente nella società che si occuperà dell’acquisto.

Il tuo guadagno dipenderà quindi dalla percentuale di capitale investito, con i profitti che verranno suddivisi proporzionalmente in base all’investimento iniziale.

Rispetto alla precedente si tratta di una modalità meno utilizzata soprattutto da parte dei piccoli investitori in quanto potrebbe risultare più rischiosa.

A questo proposito nel prossimo paragrafo ti illustreremo quali siano i vantaggi ma anche i rischi legati a questi investimenti immobiliari.

I vantaggi e i rischi da considerare

Come ti anticipavamo, uno dei vantaggi più evidenti del crowdfunding immobiliare è la possibilità di investire cifre anche basse e che comunque non sarebbero state neanche lontanamente sufficienti per l’acquisto di un immobile.

Questa tipologia di investimento e quindi di acquisto, è inoltre vantaggiosa anche per chi si occupa del settore immobiliare; infatti la possibilità di estendere la platea degli acquirenti fa sì che i tempi di vendita possano accorciarsi anche notevolmente, grazie alla possibilità di raggiungere una somma di capitali ingenti in tempi rapidi.

Come tutte le forme di investimento anche il crowdfunding immobiliare non è però esente da rischi. Soprattutto nella modalità equity, la possibilità di incorrere in una perdita di capitale non è del tutto remota. Partecipando ad una società infatti ti assumi la possibilità di un guadagno spesso superiore a quello che potresti ottenere con altre forme di investimento, ma al tempo stesso sottoscrivi la conoscenza dei rischi ai quali potresti andare incontro, incluso quello di perdere in parte o totalmente il capitale investito. 

Un altro aspetto che devi considerare quando si tratta di crowdfunding immobiliare riguarda i tempi di restituzione della cifra investita. Considera che potrebbero volerci anche mesi prima di ricevere la tua quota di profitto. Tuttavia in media i tassi pagati sono di gran lunga superiori a quelli di altri prodotti di investimento e l’attesa potrebbe quindi essere compensata dal profitto finale. 

Qualunque sia la tipologia specifica di investimento, ti consigliamo sempre di leggere tutti i materiali informativi e di essere certo di aver compreso i possibili rischi legati agli investimenti. Nel caso in cui ti rendessi conto di non avere conoscenze sufficienti o comunque non comprendessi almeno in parte le condizioni che ti vengono proposte, ti suggeriamo sempre di chiedere delucidazioni e di approfondire per quanto possibile i reali rischi e le concrete possibilità di guadagno dell’investimento.

Dove investire?

Nel nostro paese, come ti dicevamo in precedenza, il crowdfunding è una modalità di finanziamento ancora in pieno sviluppo. Tieni presente che nel periodo compreso tra il 2017 ed il 2020 si è passati da qualche unità a circa 180 progetti di investimento.

In Italia sono diverse le piattaforme alla quale potresti rivolgerti nel caso in cui decidessi di investire con questa modalità. Tra le più attive citiamo: Mamacrowd, Walliance, Concrete Investment e Bridge Asset.

Tieni presente che generalmente ogni piattaforma è specializzata in una tipologia specifica di investimento; troverai quindi le piattaforme basate principalmente sulle modalità lending e quelle invece specializzate negli investimenti di tipologia equity.

Alcuni esempi di investimento 

A questo punto immaginiamo che ti starai chiedendo come funzioni nel concreto un investimento crowd. Eccoti alcuni esempi, presi da una piattaforma realmente attiva nel nostro paese, ma che qui utilizzeremo solo a titolo informativo. 

Ti rimandiamo invece ai siti ufficiali delle società di investimento per tutti i dettagli del caso.

Esempio 1

Un caso concreto di investimento ha riguardato una casa in provincia di Milano. L’obiettivo era di 80.000 euro, che sono stati raccolti in poche decine di secondi tra 53 investitori.

Questo significa che in media ogni investitore ha messo a disposizione circa 1.500 euro. L’investimento ha avuto un rendimento dell’8%, restituito in 10 mesi dalla società incaricata. Se avessi partecipato a questa operazione immobiliare, avresti quindi potuto ricevere, in media, 120 euro. 

Esempio 2

Un altro caso che abbiamo raccolto da una società di investimento ha riguardato una casa a Pistoia. L’investimento complessivo è stato di 108.000 euro messi a disposizione da 62 partecipanti. Considera che ogni investitore ha versato in media 1.740 €. Il tasso riconosciuto dalla società è stato pari al 12%; di conseguenza ogni investitore ha ricavato mediamente 209 euro.

crowdfunding immobiliare

I tassi di rendita

Come hai potuto vedere negli esempi precedenti, indicativi ma tuttavia basati su casi reali, il tasso di rendimento di questo tipo di investimenti è decisamente superiore rispetto a quello di altri prodotti finanziari.

Considera che nei casi reali che abbiamo verificato per te abbiamo riscontrato un tasso di interesse che varia dall’otto al 12% con tempi medi di restituzione di 12 mesi.

Non mancano tuttavia casi nei quali il tasso pattuito inizialmente è stato superato dal pagamento effettivo dei profitti; inoltre alcune società indicano di aver pagato quanto dovuto in anticipo rispetto ai tempi pattuiti.

Sia le tempistiche sia le percentuali dei tassi di rendimento sono tuttavia molto variabili e ti consigliamo quindi di valutare con attenzione anche questo aspetto, fondamentale per l’effettivo profitto.

Considera infine che pur riguardando spesso case in vendita a Milano o a Roma, le possibilità di crowdfunding immobiliare sono molte e riguardano anche proprietà dislocate in moltissime altre città e province italiane.

Stai pensando di vendere casa?
Scopri quanto vale realmente la tua casa con una valutazione online gratuita in pochi click
Valuta la tua casa

Aprire una casa vacanze: normativa e consigliLeggi l'articolo
Stai pensando di vendere casa?
Scopri quanto vale realmente la tua casa con una valutazione online gratuita in pochi click
Valuta la tua casa
Scopri quanto vale realmente la tua casa con una valutazione online gratuita in pochi click