pixel per articolo 182208
Home | investimenti immobiliari | Investire in box auto e metterli a reddito conviene?
investimenti immobiliari

Investire in box auto e metterli a reddito conviene?

30 aprile|2919 views
Vanessa GuerrieroVanessa Guerriero
immagine hero di "Investire in box auto e metterli a reddito conviene?"

Stai cercando una buona opportunità di investimento e ti stai chiedendo se investire in box auto conviene? Secondo noi sì, scopri perché.

Il 48,5% degli acquisti di box auto avviene per investimento. Investire in box auto è sicuramente meno oneroso e complesso rispetto ad investire in un’abitazione. Mettere in affitto un garage permette di ottenere buoni rendimenti senza troppi pensieri. 

Parliamo di rendite annuali in media di circa 2000-4000 euro nei centri città, con punte che possono toccare i 7000 euro nelle zone più richieste. 

 

Dove conviene investire in box auto

La scelta della zona è fondamentale per massimizzare il tuo investimento. Per incontrare la maggiore domanda e redditività cerca box auto nelle aree centrali o semicentrali delle grandi città, dove scarseggiano i parcheggi o il numero di box rispetto alle abitazioni è limitato.

Un altro fattore da considerare è la presenza di uffici nelle aree circostanti, soprattutto in zone non ben collegate con i mezzi pubblici e con pochi parcheggi.

Con una scelta accurata della zona, mettere a reddito un garage è una buona possibilità di investimento considerata la domanda sempre crescente che ti permetterà di recuperare in poco tempo il costo dell’investimento. 

Ma quanto costa acquistare un box auto nelle principali città?

 

Quanto può costare un box auto nelle grandi città

Se parliamo di zone centrali, Roma è la città più cara con prezzi massimi che possono raggiungere anche i 100 mila euro. Il resto della classifica per quanto riguarda i prezzi box auto nel centro storico vede:

  • Verona: valori massimi di 93 mila euro
  • Bari: valori massimi di 90 mila euro
  • Napoli: valori massimi di 80 mila euro
  • Firenze: valori massimi di 65 mila euro
  • Torino e Bologna: valori massimi di 60 mila euro
  • Palermo: valori massimi di 30 mila euro

Se invece parliamo di prezzi medi per l’acquisto di un box auto nelle grandi città, incluse le zone meno centrali, la classifica è la seguente:

  • Napoli: 47 mila euro
  • Bologna:42 mila euro 
  • Milano: 39 mila euro
  • Roma: 37 mila euro
  • Genova: 36 mila euro
  • Firenze: 34 mila euro
  • Bari: 30 mila euro
  • Verona: 28 mila euro
  • Palermo e Torino: 22 mila euro

Indeciso se investire su un box auto o su un immobile? Scopri anche quali sono i prezzi medi al metro quadro per l’acquisto di una casa nelle grandi città!

Quanto rende affittare un box auto

Quanto costa l’affitto di un posto auto nelle grandi città

Per un box di 20 metri quadri, i canoni mensili per l’affitto di un box auto nelle grandi città è in media di:

  • 215 euro a Milano
  • 206 euro a Napoli e Firenze
  • 192 euro a Roma
  • 191 euro a Bologna
  • 167 euro a Genova
  • 149 euro a Palermo
  • 144 euro a Torino
  • 124 euro a Verona

 

Redditività investimenti in box auto nelle grandi città 

La redditività dall’affitto box auto più elevata si ottiene a Bologna con un 6,6%. Al secondo posto troviamo Monza con il 6,3% seguita da  Milano e Roma con un 6%. 

Proseguiamo la classifica poi con Napoli (5,1%) e Palermo (5,5%) mentre in fondo alla classifica troviamo Genova (3,7%).

Un rendimento contenuto rispetto alle altre tipologie di investimento su immobili. Ma allo stesso tempo un investimento più semplice da gestire e meno oneroso. 

Cerchi un’opportunità di investimento dal guadagno sicuro? Scopri cosa sono gli investimenti immobiliari a reddito garantito.

 

Cosa devi sapere se vuoi mettere a reddito un box auto

Il contratto per l’affitto di un garage ha molti meno vincoli rispetto alla locazione di una casa. La durata del contratto è libera e viene stabilita dalle parti come anche i termini del rinnovo. In genere la durata più gettonata è inizialmente ad un anno.

Anche il canone è determinato in linea di massima dalla libera contrattazione tra le parti. 

I valori visti in precedenza sono però un’ottima linea guida sia per i proprietari che per chi intende affittare. E, come anticipato, le caratteristiche particolari della zona hanno un peso molto rilevante.

 

Costi di registrazione del contratto d’affitto

Il contratto del solo box auto dovrà obbligatoriamente essere registrato come un tradizionale contratto di affitto di una abitazione se la durata è pari o superiore a 30 giorni in un anno. La registrazione prevede il pagamento di un’imposta di registro che ammonta al 2% del canone annuo, con un minimo di 67 euro per la prima annualità.

Per contratti che hanno una durata pluriennale l’imposta di registro può essere versata:

  • subito in un’unica soluzione
  • di anno in anno entro 30 giorni dalla scadenza dell’annualità precedente. 

Oltre all’imposta di registro, nel momento della prima registrazione si versano anche i 16 euro a titolo di imposta di bollo ogni quattro facciate di contratto o, comunque, ogni 100 righe.

In genere tutti questi costi di registrazione sono suddivisi al 50% tra proprietario e inquilino.

 

Come detrarre acquisto box auto

Per concludere, vogliamo darti una buona notizia se decidi di mettere in affitto il box auto di casa tua. In questo caso è possibile detrarre il costo di acquisto del box auto. In che modo? 

Innanzitutto la detrazione si applica a box auto interrati o fuori terra, garage e posti auto coperti o scoperti che abbiano i seguenti requisiti:

  • In costruzione o d nuova costruzione
  • Classificazione al catasto come ‘pertinenza’, anche di proprietà comune

In questi casi si può ottenere una detrazione pari al 50% delle spese di realizzazione fino a un massimale di 96 mila euro che viene versata in 10 quote nell’anno di acquisto. A partire dal 1° gennaio 2021 la detrazione diventa del 36% per una spesa massima detraibile di 48.000 euro.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Scopri di più su Gromia e sui nostri servizi per aiutarti a vendere o affittare casa!

Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più

E-mailWhatsAppFacebookLinkedinTwitterPinterest
A Milano serviranno 50mila nuove abitazioniLeggi l'articolo
Che cos’è il senior housing?Leggi l'articolo
TrustPilot LogoEccellente 9,6 su 10
Stai pensando di vendere o affittare?
Affidati ai migliori professionisti sul mercato e valorizza la tua casa
Scopri di più
Potrebbero anche interessarti
  • 17 settembre407 views

    Quante tasse si pagano quando si deve vendere casa?

    Molto spesso chi vuole vendere casa non è a conoscenza delle tasse che si devono pagare e soprattutto a chi spettano, se al venditore o all’acquirente. Con il testo che segue ti aiuteremo a fare chiarezza su questo argomento, considerando in primo luogo la vendita entro e dopo i cinque anni dal rogito. Tratteremo in […]
    Miriam PeraniMiriam Perani
  • 30 luglio270 views

    Mercato immobiliare: ripartono le compravendite

    Nel testo che segue, partendo dall’analisi degli ultimi dati Istat, ti mostreremo come le compravendite abbiano fatto segnare una nuova ripresa in seguito alla pandemia; analizzeremo inoltre gli effetti sul mercato immobiliare in questo primo semestre del 2021. Tratteremo inoltre della relazione tra aumento del volume delle compravendite, incremento dei prezzi e fiducia da parte […]
    Miriam PeraniMiriam Perani
  • 16 luglio243 views

    Sale l’interesse degli italiani per gli immobili più grandi

    Dalle pagine di questo blog abbiamo avuto modo di parlare diverse volte di come il COVID-19 abbia cambiato le abitudini anche in campo abitativo. Un dato rilevante che emerge dagli studi relativi allo scorso anno è quello relativo all’interesse degli italiani per gli immobili più grandi. Nel testo che segue ti parleremo quindi di questo […]
    Miriam PeraniMiriam Perani